ARCHIVIO NEWS S.I.S.P.

Sisp :
Home
/
Archivio News

'Sextasy', l'allarme degli scienziati per l'ultima frontiera dello sballo

Michela Pieroni, Luca Pierleoni

Sextasy "Sextasy", o "droga dell'amore", questo il nome dell'ultima tendenza, diffusa per lo più nelle discoteche, in fatto di droghe e divertimento sessuale in questo caso. Si tratterebbe, infatti, della recente abitudine di consumare contemporaneamente viagra ed ecstasy, mix che può rivelarsi fatale. A dare l'allarme sui rischi di questa pratica sono stati gli scienziati della New South Wales University di Sidney che rivelano come, a partire dall'Australia, la nuova e pericolosa tendenza stia rapidamente prendendo piede anche in altri paesi quali l'Inghilterra e gli Stati Uniti. I rischi maggiori per la salute, legati all'assunzione contemporanea delle due sostanze, risultano dalla cosiddetta "Sindrome da serotonina", nella quale la presenza eccessiva dell'ormone nel sangue potrebbe portare a stati confusionali, disorientamento, allucinazioni, palpitazioni fino ad indurre perfino il coma o condurre a successive conseguenze negative sulla salute mentale. Sempre secondo gli scienziati, l'utilizzo di questo cocktail di sostanze nascerebbe dall'esigenza di ristabilire la possibilità di avere prestazioni sessuali, abbassata dagli effetti allucinogeni dell'ecstasy, mantenendo lo stato euforico provocato dalla droga. Da questo punto di vista, però, oltre ai già citati rischi per la salute, il mix di sostanze potrebbe ottenere addirittura l'effetto opposto, andando ad inibire l'erezione per diverse ore. Se il viagra è un valido presidio farmaceutico, il suo utilizzo distorto, associato a quello delle pasticche di ecstasy o di qualsiasi altra droga, può trasformarsi in una vera e propria bomba ad orologeria i cui effetti a medio e lungo termine sono difficilmente calcolabili.