ARCHIVIO NEWS S.I.S.P.

Sisp :
Home
/
Archivio News

Recensione dell'articolo: "Le rappresentazioni sociali delle adozioni LGBT in Italia. Analisi del contenuto di conversazioni spontanee tra utenti Facebook" di Fino E. e Aiello S., Rivista di Sessuologia Clinica, XXI, 2014/1

Emanuele Fino e Stefania Aiello

Rsc Lo studio nasce dall'incontro dell'interesse per la famiglia con quello dell'utilizzo dei social network come mezzi di costruzione di nuove rappresentazioni sociali. L'utilizzo massiccio delle moderne tecnologie e del web sta infatti trasformando il modo in cui i gruppi sociali producono conoscenza, modificando i propri modelli e valori di riferimento. A partire dall'ampliamento del riconoscimento dei diritti LGBT in Francia, cresce nel nostro Paese uno stimolante dibattito in merito alle unioni omosessuali e alla possibilità per tali coppie di adottare un figlio, discussioni che, negli ultimi anni, hanno trovato ampio spazio proprio all'interno dei nuovi media. In particolar modo, l'intento di questa ricerca è stato quello di esplorare come l'idea di famiglia omosessuale si posizioni e dialoghi con quelle rappresentazioni "ideali" di famiglia tradizionale ancora profondamente radicate nel contesto culturale italiano. Le rappresentazioni sociali, intese come sistemi di conoscenza e credenze condivise dai gruppi, guidano le azioni, permettono agli individui di collocarsi nella società e nel sistema di valori di riferimento, favoriscono gli scambi interpersonali e sociali, rendono familiare ciò che è estraneo attraverso la classificazione e il dare significato ai vari aspetti del mondo e, infine, forniscono una norma sociale nella costruzione dell'identità individuale. Lo studio ha previsto l'acquisizione di conversazioni spontanee (pubblicamente disponibili) in uno dei social network attualmente più utilizzati, Facebook, effettuate dal 01/10/2013 al 28/02/2014 e reperite attraverso l'utilizzo di determinate parole chiave relative al tema in oggetto. L'analisi del contenuto delle conversazioni è stata svolta mediante il software Iramuteq, uno strumento di analisi di dati testuali che permette l'individuazione di cluster tematici, in termini di similitudini tra le parole che li compongono. In particolare sono quattro i gruppi di parole emersi dall'analisi: adozione e nuove forme di famiglia; la coppia genitoriale: molto più che "un padre e una madre"; amore natura e cultura; diritti LGBT: il matrimonio e l'adozione come un "passo in avanti". I risultati sottolineano come il tentativo di definire e descrivere la famiglia omosessuale avvenga sulla base di una contrapposizione al cosiddetto "looking similar", ovvero in base al confronto inapplicabile con modelli etero. Ad oggi, il dibattito in corso in merito alla legittimazione di famiglie omogenitoriali interessa un intenso processo di negoziazione di significati, valori e norme che coinvolge, seppure in maniera diversa, tutti gli strati della popolazione e tutte le forze politiche e sociali in campo, al fine di navigare verso il cambiamento di uno stereotipo che vede la famiglia eterosessuale, tradizionale, come l'unico modello realmente possibile e auspicabile. In ciascuno dei gruppi di parole individuati, si rende manifesto lo sforzo di tale transizione in riferimento a ruoli familiari, spesso riferiti al genere (aspettative rispetto alla paternità e alla maternità;), e delle relative aspettative socio-culturali ad essi legate (rappresentazioni della generatività), puntando alla definizione di una nuova immagine di famiglia basata sul valore comune della cura. I risultati dello studio incoraggiano a rivolgere l'attenzione ai nuovi mezzi di comunicazione e all'utilizzo del web, nelle prospettive future nell'ambito dello studio delle rappresentazioni sociali e del processo di cambiamento sociale.

Maggiori informazioni Qui