ARCHIVIO NEWS S.I.S.P.

Sisp :
Home
/
Archivio News

Abusi sessuali e violenze sui minori: due fenomeni in costante aumento
È allarme abusi sessuali e violenza sui minori

Alessandra Recine

Abusi Sessuali Abusi fisici, sessuali e psicologici, uniti a comportamenti che perpetuano e giustificano la violenza sono in costante aumento. Lo rivela l'indagine dal titolo "Hidden in Plain Sight", promossa dall'UNICEF nel luglio 2013 nell'ambito di una campagna globale di informazione e sensibilizzazione sulle diverse forme di violenza che colpiscono i minori. Il Rapporto parla chiaro: sono circa 120 milioni nel mondo le bambine e le adolescenti sotto i 20 anni ad aver subito qualche forma di abuso sessuale. Non solo, se si guarda alle morti per omicidio una vittima su cinque è un bambino mentre, se l'attenzione si sposta alle forme di violenza agite tra pari, più di uno studente su tre tra i 13 e i 15 anni è regolarmente vittima di bullismo. In particolare, si legge nel rapporto, 84 milioni di ragazze adolescenti, ossia una su tre fra quelle che hanno una relazione stabile, è stata vittima di violenza psicologica, fisica o sessuale da parte del marito o del partner. Sempre secondo lo studio, circa il 17 per cento dei bambini, in 58 Paesi presi in esame, risultano soggetti a forme severe di punizione fisica. Un rapporto degli orrori a cui va ad aggiungersi una sconcertante fotografia del Telefono Azzurro la quale evidenzia che, tra il 2008 e il 2013, alla struttura sono pervenute 16.000 segnalazioni delle quali un terzo per maltrattamenti con un totale di 8885 forme di violenza su bambini e adolescenti.
Ci troviamo di fronte ad un fenomeno che non solo è in costante aumento ma, ad oggi, risulta ancora essere molto sommerso. Fotografare la realtà quindi non è più sufficiente, occorre cambiarla. È necessario migliorare l'efficacia complessiva del sistema di presa in carico, adoperarsi al fine di mettere in atto strategie per prevenire e contrastare la violenza su e dei minori: occorre sostenere i genitori, le famiglie, chi si occupa dei bambini attraverso degli interventi educativi; ma anche i minorenni stessi devono essere posti in condizione di proteggersi, rafforzando le loro competenze, realizzando dei servizi e dei meccanismi "child-friendly" poichè la maggior parte delle violenze vengono compiute da persone che i bambini conoscono bene.

Per consultare l'indagine completa dell'unicef Clicca Qui !