ARCHIVIO NEWS S.I.S.P.

Sisp :
Home
/
Archivio News

I matrimoni bianchi

Claudia Di Berto

Matrimoni Bianchi


In un'epoca fortemente sessualizzata, dove il sesso è alla portata di tutti, basti pensare alla facilità di accesso a siti a contenuto pornografico, chat erotiche o semplicemente pubblicità televisive a sfondo sessuale, vi sono invece coppie in cui la sessualità riveste ruoli e modalità "particolari": sono le coppie che vivono i cosiddetti matrimoni bianchi.

Per matrimonio bianco si intende la situazione in cui le coppie, coniugate o conviventi, nel corso della loro storia non "consumano" e non hanno rapporti penetrativi (da qui l'inglese Unconsummated Marriage). Il fenomeno sembra essere in costante aumento: sarebbero addirittura 20mila, in Italia, i matrimoni non consumati, con una percentuale del 20% che arriva ad una separazioni per mancanza di rapporti sessuali all'interno della coppia.

COSA SONO I MATRIOMONI BIANCHI?

Il concetto di matrimonio bianco è legato alla mancata consumazione del matrimonio, riferita al "ratus et non consumatus" del Diritto Canonico che ne fa una causa sufficiente di annullamento del matrimonio religioso. Nella pratica sessuologica il concetto si ampia considerando una "coppia bianca" quella che pur desiderandolo, indipendentemente dal suo stato giuridico, non riesce a compiere l'atto sessuale "completo".

In queste coppie entrambi i partner, o uno dei due, non riescono a vivere l'atto della penetrazione, mentre altre pratiche sessuali possono comunque essere sperimentate, anche con soddisfazione. Coppie di questo tipo possono sperimentare diversi gradi di frustrazione: molto bassi, nel caso in cui l'assenza della penetrazione non infici l'intimità relazionale, a molto alti quando i partner desiderano invece una sessualità diversa e/o un figlio.

Non di rado, inoltre, le coppie bianche si trovano a dover fronteggiare la curiosità dei parenti sulle motivazioni riguardo il ritardo dell'arrivo di un figlio dopo diversi anni di matrimonio.

CAUSE DEL MATRIMONIO BIANCO

Il fenomeno legato al concetto di matrimonio bianco racchiude in sè molti elementi e le cause alla base possono essere molto diverse tra loro: da quelle psicologiche a quelle legate ad aspetti organici e medici. In alcuni casi, si assiste anche ad un etiologia mista, in cui le cause di natura organica e psichica si sommano tra loro. In linea generale, le cause più frequenti si rintracciano nella presenza, per la donna, di un vaginismo, e per l'uomo di disfunzione erettile e/o eiaculazione precoce.

A questi aspetti, si sommano inoltre di frequenti elementi di natura educativa e religiosa che contribuiscono a ritardare la presa di coscienza del problema. Le coppie bianche spesso arrivano illibate al giorno del matrimonio, sia per motivazioni religiose o personali, sia per la paura del sesso o per la scarsa conoscenza della sessualità; molte coppie con "matrimonio bianco" vivono con imbarazzo e vergogna questa situazione e difficilmente ne parlano con amici e parenti. Ciò non significa però che queste coppie siano inibite o inesperte sessualmente, anzi in molti casi si registra una buona complicità e intimità di coppia, essendo i partner capaci di costruire un proprio "setting erotico" in grado di supplire alla mancanza della penetrazione. In una fase iniziale le coppie possono talvolta ritenere che la situazione si risolverà spontaneamente, anche se questo difficilmente accade, tanto che molte coppie decidono di rivolgersi ad un sessuologo solamente dopo molti anni dall'inizio del problema e, spesso, arrivano in consultazione da un esperto quando decidono di avere un bambino (motivo che li spinge a tentare il tutto per tutto pur di raggiungere l'obiettivo).

COME USCIRE DA UN MATRIMONIO BIANCO

Per prendere in mano la situazione ed uscire da un matrimonio bianco occorre prima di tutto riconoscere l'esistenza del problema e rivolgersi ad un esperto. In quest'ottica, è importante che la coppia percepisca il desiderio di uscire dalla situazione che genera distress. Dall'altro lato il terapeuta, in una fase iniziale, può aiutare la coppia nella costruzione di una fiducia rispetto alla possibilità di rompere un circolo vizioso che di solito dura da molti anni, al fine di ottenere una disponibilità ed una collaborazione piena al piano psicoterapeutico condiviso.

Per permettere alla coppia di superare il problema il terapeuta potrà lavorare sia su aspetti personali ed intrapsichici, sia sul versante relazionale, sia sugli aspetti maggiormente legati al corpo, facilitando la comunicazione affettiva ed emozionale e promuovendo l'importanza della sfera sessuo-affettiva portando la coppia a sganciarsi dai clichè socio-culturali che portano a vivere la sessualità come un tabù.

Solitamente, la prognosi in merito a questo tipo di pattern relazionali e sessuali è molto positiva e le coppie possono riuscire a vivere con serenità e soddisfazione la propria vita intima.